VARIEnovità, curiosità e utilità

Mikao Usui modificò la terapia Reiki?

Albero sul monte Kurama

No. Usui sensei, dopo aver raggiunto l'Illuminazione sul monte Kurama, codificò la terapia Reiki nell'arco di un mese e subito dopo fondò la sua società con lo scopo di insegnarla. E neanche Chūjirō Hayashi, uno dei 20 maestri formati da Usui sensei, modificò in alcun modo la terapia, mentre si legge spesso in giro il contrario.

Nella cultura giapponese, non modificare in alcun modo l'insegnamento ricevuto, è una forma di rispetto sia verso colui che l'ideò, sia verso l'insegnamento stesso. Il concetto di "modificato" fa comodo ovviamente a chi la terapia Reiki... l'ha modificata!

La terapia Reiki è perfetta così com'è, da sempre: semplice, pura, chiara, ovvia, di facile utilizzo, radicata nella cultura giapponese ma, con le giuste spiegazioni, comprensibile anche agli occidentali! Non si possono "estirpare" le sue radici giapponesi semplicemente perché non fanno comodo o perché ritenute superate! Togliere le radici alla terapia Reiki significa non farla più stare in piedi, se non con l'ausilio di "stampelle" e "impalcature", ed è questo che è stato fatto nella sua diffusione nel mondo occidentale, in America in primis.

NOTA
Ho scattato la foto sul monte Kurama: l'albero, ben consapevole di essere sull'orlo di un precipizio, si tiene ben saldo alla terra grazie alle sue radici, come fosse un polipo coi tentacoli.